Vaccinati ma muoiono di Covid: uno strano caso per sei pazienti

A Malta ha destato scalpore il caso delle sei persone che sono morte di Covid nonostante fossero state vaccinate e avessero fatto anche il richiamo.

A rendere noto tale dato è stata, nel corso della conferenza stampa settimanale di venerdì scorso, Charmaine Gauci, Sovrintendente per la Salute pubblica maltese. Sull’isola, secondo i dati del locale Ministero della Salute aggiornati a lunedì, su circa mezzo milione di residenti sono state iniettate 186.111 dosi di vaccino, di cui 52.340 seconde somministrazioni.

La stampa maltese, in merito al decesso di quei sei soggetti ufficialmente immunizzati, ha rivelato il fatto per cui tre delle vittime sarebbero state contagiate e avrebbero sviluppato la malattia prima che passassero i 14 giorni necessari per raggiungere il livello ottimale di immunizzazione. Dando per buona tale ipotesi, il periodo necessario a raggiungere l’immunizzazione, di conseguenza, potrebbe essere ancora più lungo per gli immuno-compromessi, ossia i pazienti vulnerabili il cui sistema immunitario è più fragile. Sempre a detta delle testate di Malta, le possibilità che un soggetto contragga il Covid nonostante la completa vaccinazione equivarrebbero comunque a una percentuale di mortalità molto bassa: lo 0,005%, pari a cinque persone ogni centomila.

Relativamente alle dichiarazioni della Gauci, l’alta funzionaria ha indicato il caso dei sei decessi come una dimostrazione del fatto che nessun vaccino anti-Covid attualmente disponibile ha il 100% di efficacia, ma gli stessi sieri sono comunque in grado di proteggere la stragrande maggioranza delle persone. La Sovrintendente, dopo avere rimarcato l’immunità incompleta fornita dai sieri, ha quindi esortato i cittadini a rispettare le precauzioni anti-contagio anche dopo avere ricevuto entrambe le dosi di antidoto: “Questo vaccino è molto buono. L’efficacia di quello contro l’influenza in realtà è molto inferiore. Tuttavia, c’è una piccolissima percentuale di persone che si infettano nonostante siano state immunizzate, si ammalano, devono andare in ospedale e alcuni persino muoiono. Per questo, sollecitiamo i cittadini a continuare ad avere cura di loro stessi e a rispettare le misure di contenimento in vigore”.

ILGIORNALE.IT

Rispondi