“Tre positivi Covid”. Caos a due giorni dalla finale Europeo. Cosa cambia per chi guarda Italia-Inghilterra

Il Covid sfiora la nazionale italiana di calcio alla vigilia dell’attesissima finale di sabato a Wembley contro l’Inghilterra. Una partita durissima in cui, forse per la prima volta in questo torneo, la squadra di Roberto Mancini parte sfavorita. Tanti infatti le variabili che sembrano giocare in favore degli inglesi. Più freschi, sul loro cammino non hanno incontrato corazzate a parte la Germania negli ottavi di finale, e più motivati dalla spinta dei 60mila di Wembley a 55 anni dalla finale mondiale vinta in casa.

italia spagna

Unico successo internazionale delle formazioni dei Tre Leoni. Contro gli azzurri anche il pronostico animale. Sulle orme del polpo Paul, un gruppo di suricati dello zoo di Londra ha pronosticato un successo dell’Inghilterra sull’Italia nella finale dell’Europeo. Un guardiano dello zoo ha piantato le bandiere dell’Inghilterra e dell’Italia nel terreno e il compito dei suricati era di abbatterne una. Dopo 5 minuti di tentativi, hanno messo a terra quella inglese.

alberto rimedio

Intanto sala stampa deserta oggi a Coverciano. Il consueto appuntamento delle 14, unico momento di contatto – a distanza – tra media e calciatori della Nazionale in questi Europei, si svolgerà in modalità da remoto. Questo perché tre giornalisti sono risultati positivi al coronavirus dai test effettuati in occasione di Italia-Spagna.

L’allarme è scattato venerdì mattina, quando quattro tra giornalisti e operatori Rai sono risultati positivi tra loro anche Alberto Rimedio. Prima voce delle partite degli azzurri che dovrà quindi essere sostituito per la finale di domenica. La squadra Rai si sta sottoponendo a tamponi a tappeto in vista della spedizione per seguire la partita di domenica.

alberto rimedio

Alberto Rimedio da sette stagioni è il telecronista dell’Italia e ha seguito la splendida cavalcata dell’Italia di Mancini, non solo in questi Campionati Europei. A differenza di molti altri giornalisti, gli inizi della carriera di Alberto Rimedio nel mondo dello sport non riguardano la sua iscrizione all’albo o la gavetta presso emittenti sportive locali. È noto infatti che il giornalista sia anche un ex-calciatore, e che abbia militato in alcuni club di C2 come la Berretti della Roma e l’Olimpia Celano.

Rispondi