“Trattato peggio di un cane”. Morte Maradona, dal fratello gli ultimi dettagli raccapriccianti: choc su Rai 1

Il Pibe de Oro manca a tutto il mondo. Manca a giovani e piccoli. Manca ai suoi affetti più cari. Hugo, il fratello di Diego Armando Maradona, rompe il silenzio a Storie italiane dopo i risultati dell’autopsia sul corpo del campione mondiale (morto a novembre scorso). Le parole di Hugo al programma di Eleonora Daniele su Rai 1 sono durissime nei confronti di chi avrebbe potuto salvare suo fratello. “Ho letto tutto quello che hanno scritto i giudici. Stiamo aspettando che ci sia la riunione di tutti i medici per chiarire cosa sia successo. Sono spaventato da ciò che ho letto: se è tutto vero ciò esce sui giornali, devono pagarla. Devono pagare con il carcere: neanche ad un cane si fa quello che hanno fatto a mio fratello”, dice in collegamento a Storie Italiane.

“Neanche ad un cane si fa quello che hanno fatto a mio fratello Diego. Dalle notizie che sono trapelate negli ultimi giorni, sembra che Diego Armando Maradona avesse avuto problemi cardiaci e poi renali. Quindi i medici, e anche le persone vicine a lui, si sarebbero occupate poco dello stato di salute del calciatore (sempre secondo la tesi dell’accusa). Ma ora il fratello del Pibe de Oro parla senza peli sulla lingua. E le sue dichiarazioni sono rumorose più che mai. “Voglio giustizia. Se fossi stato io lì avrei preso tutti per le orecchie e li avrei cacciati fuori”, tuona ai microfoni di Rai 1.

La perizia medica dice che si sarebbe potuta evitare la morte di Diego Armando. “Stiamo aspettando dall’Argentina la riunione di tutti i medici che dovrebbe esserci la settimana prossima. Se è vero quello che leggiamo sui giornali, chi è colpevole deve pagare con il carcere”, ribadisce Hugo. Un altro giallo è legato anche all’orario del decesso: sarebbe avvenuto alle 13, circa, e non tra le 4 e le 6 del mattino. Un vero giallo. Sembra, tra l’altro, che siano molto tesi i rapporti tra Hugo e Veronica Ojeda, ex compagna del Pibe de Oro.

liberoquotidiano.it

 

Rispondi