Spuntano le prime allergie: Londra frena già sul vaccino

La Gran Bretagna ha deciso di fermare la vaccinazione anti-Covid nei soggetti che hanno alle spalle significative reazioni allergiche.

La raccomandazione è arrivata dall’autorità nazionale di controllo sui farmaci, Mhra, dopo che due persone, delle centinaia vaccinate ieri in Gran Bretagna, hanno manifestato delle reazioni allergiche in seguito alla somministrazione del vaccino Pfizer/Biontech. Il Regno Unito è stato infatti il primo Paese a dare inizio alla vaccinazione di massa, dopo l’ok dato proprio negli scorsi giorni dalla Mhra a partire con il vaccino anti Covid di Pfizer/BioNTech, ritenuto secondo alcuni studiosi efficace al 95%.

Reazioni allergiche per due vaccinati

Secondo quanto comunicato, si tratterebbe di due 40enni operatori sanitari di case di cura e ricovero, che sono stati sottoposti a vaccinazione nella prima categoria di priorità, insieme ad alcuni ospiti over 80 di queste strutture Rsa, medici e infermieri pubblici. Il professor Stephen Powis, direttore medico dell’Nhs in Inghilterra, ha parlato di procedure standard e, minimizzando, ha sottolineato come sia normale che “ la Mhra suggerisca cautele in caso di nuovi vaccini per le persone con una storia significativa di allergie”. Il professore ha anche tenuto a precisare che i due sanitari dell’Nhs che hanno avuto reazioni allergiche in seguito alla somministrazione del vaccino anti-Covid, non sono in gravi condizioni e che entrambi sarebbero già in via di recupero.

V-Day in Gran Bretagna: al via la vaccinazione di massa anti-Covid

Solo ieri il V-Day

Insomma, il giorno dopo il V-Day, già iniziano i primi problemi e, almeno per il momento, coloro che hanno alle spalle allergie significative non potranno ricevere il sospirato vaccino. In un comunicato ufficiale della Mhra viene spiegato che “tutti coloro in questa condizione, ossia che in passato hanno avuto gravi allergie a vaccini, medicine e cibo, e cioè reazioni anafilattoidi, oppure coloro cui è stato già prescritto di portare sempre con sé un autoiniettore di adrenalina, farebbero bene a non sottoporsi al vaccino Pfizer/BioNTech”.

Solo ieri la Gran Bretagna aveva lanciato il programma di vaccinazione di massa anti Coronavirus. Entro la fine dell’anno saranno circa 3 milioni le persone vaccinate con il Pfizer BioNTech. Tutta la popolazione del Regno Unito, secondo le previsioni del governo, grazie anche all’arrivo di altri vaccini, dovrebbe essere vaccinata contro il coronavirus entro l’estate del 2021. Sempre che non sopraggiungano altri inconvenienti nei prossimi giorni o mesi.

ilgiornale.it

Rispondi