Sport sotto choc: la campionessa è morta colpita da un fulmine

Tragedia nel mondo del surf che piange la scomparsa della 22enne surfista Katherine Diaz, deceduta dopo essere stata colpita da un fulmine. La tragedia si è consumata in El Salvador, mentre la ragazza stava uscendo dall’acqua, a fine allenamento, proprio per evitare di imbattersi in un temporale.

La nazionale salvadoregna era una promessa di questa disciplina e quando è stata colpita improvvisamente da una saetta, si stava allenando nelle acque vicino a casa. La tragedia è avvenuta mentre la Díaz si stava allenando sulla spiaggia di El Tunco, sulla costa salvadoregna bagnata dal Pacifico, nel dipartimento di La Libertad.

Alla notizia della tragedia, subito sono arrivati i primi messaggi di lutto e cordoglio da parte di tutto il movimento sportivo di El Salvador: “Siamo molto rattristati da questa tragedia”, ha scritto Yamil Bukele, presidente dell’Istituto dello sport, cui si è unito sempre via social network il dolore e il rammarico di Morena Valdez, ministro del Turismo:

“Sarai per sempre presente nella storia del surf di El Salvador. Le tue onde di ricorderanno sempre in questo paradiso. Riposa in pace Katherine Diaz”

Milton Flores, direttore amministrativo della Federazione di Surf, ha descritto le circostanze dell’evento come “qualcosa di improvviso e devastante. Era entrata in mare per fare surf, poi uscendo improvvisamente l’ha colpita un fulmine e l’abbiamo vista cadere, le è stata data assistenza immediata”. Quando i soccorsi hanno poi trasportato la Diaz nel vicino ospedale locale, in cui la giovane donna era stata trasferita d’urgenza, è arrivata la notizia del decesso.

Katherine era un vero e proprio talento sul surf e una promessa di caratura internazionale. Surfista da quando aveva appena 9 anni e sorella del presidente della Federazione salvadoregna di Surf, José Diaz, la Diaz era reduce dalla vittoria del “National Surf Circuit” dello scorso novembre e si stava allenando con l’obiettivo di poter partecipare alle competizioni internazionali.

 

 

Rispondi