“Speranze finite”. Il mare restituisce il corpo di Alfredo, 28 anni, era scomparso nel nulla due giorni fa

Un’attesa lunga due giorni. Dal 9 agosto, Alfredo Pezzino 28 anni, non era più tornato a casa. E a Palermo la paura è che gli fosse accaduto qualcosa di grave era forte. Sì perché Alfredo non era uno da colpi di testa. Era uscito di casa per andare a nuotare in mare nella zona di Barcarello. Da allora nessuno aveva avuto più notizie di lui. Oggi pomeriggio un catamarano in navigazione ha visto il corpo di un uomo galleggiare a circa due miglia da Barcarello.

alfredo pezzino

Immediato è scattato l’allarme e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la capitaneria di porto. I dubbi, al momento del ritrovamento, nessuno: purtroppo si trattava proprio di Alfredo Pezzino. La salma è stata trasportata al porto di Palermo per il riconoscimento da parte dei familiari. Sul posto sono attesi anche il pm di turno e il medico legale.

Alfredo Pezzino, gli amici lo hanno cercato fino all’ultimo
Prima della notizia del rinvenimento del corpo, amici e parenti avevano fatto scattare il tam-tam sui social nella speranza che Alfredo si fosse allontanato e fosse ancora vivo. Un passaparola che nel pomeriggio di oggi è diventato altro, con la disperazione che ha sostituito la speranza nei post e nelle chat. Centinaia i messaggi di condoglianze e i saluti ad Alfredo Pezzino.

alfredo pezzino

“Alfredo è un ragazzo molto sensibile – scrive uno degli utenti che si è unito all’appello – e sarà molto spaventato. Chiunque lo veda può contattare la polizia. Chiediamo la massima diffusione di questo messaggio”. Purtroppo la storia si è chiusa nel modo peggiore. Figlio unico di una coppia di professionisti, Alfredo Pezzino andava spesso a Barcarello, aveva la passione per il mare e per le immersioni.

 

Nel suo profilo Facebook campeggia la foto di un lago fra i monti e l’acqua limpida del mare di Palermo. Lunedì alcuni amici l’avrebbero dovuto raggiungere nel pomeriggio alla spiaggetta della riserva di Capo Gallo. Ma quando sono arrivati c’erano solo lo zainetto con i pochi effetti personali.

Rispondi