Ragazza sente qualcosa dentro durante un rapporto con il ragazzo

La storia shock della ragazza londinese Ellie Taylor-Davis che racconta la sua storia per sensibilizzare sulla prevenzione ai tumori.

Ragazza sente qualcosa dentro durante un rapporto
Ellie Taylor-Davis, giovane ragazza di 28 anni proveniente da Londra, ha avuto salva la vita grazie ad una circostanza molto fortuita.

Il tutto si è svolto nel giro di pochi mesi. Durante un rapporto intimo con il suo fidanzato, Ellie ha sentito una strana sensazione nel ventre: come se dentro ci fosse qualcosa di fastidioso e ingombrante. La ragazza ha dato poco peso all’episodio, pensando fosse solamente un disturbo a livello intestinale.

Per fortuna, dopo qualche settimana, Ellie Taylor-Davis si è recata dal suo ginecologo per inserire la spirale anticoncezionale intrauterina.

In occasione della visita, il medico ha riscontrato delle anomalie ed ha prescritto alla giovane ragazza ulteriori visite di approfondimento. L’ecografia ha dimostrato, in effetti, la presenza di un elemento ingombrante e pericoloso: un tumore che aveva raggiunto le dimensioni di ben 16 centimetri. Una situazione preoccupante: il cancro le occupava l’utero e premeva anche sugli organi interni sovrastanti.

A soli 28 anni, la vita di Ellie è cambiata in un secondo: il tumore è stato operato d’urgenza.

Radioterapia e chemioterapia sono state ipotesi accantonate fin da subito. Aspettare ancora ad operare infatti avrebbe portato sicuramente ad un peggioramento. Per fortuna l’intervento chirurgico è andato molto bene, complice anche la giovanissima età di Ellie. La massa di 16 centimetri è stata completamente asportata e non si è reso necessario intaccare anche l’utero. La giovane londinese potrà quindi avere dei figli in futuro.

Prevenzione
In seguito alla sua traumatica esperienza, Ellie Taylor-Davis, giornalista freelance, ha voluto raccontare a quante più donne possibili la sua storia per cercare di sensibilizzare riguardo la prevenzione del tumore all’utero. La ragazza insiste soprattutto sulle visite di routine e sulla cura di sè anche in giovane età.

Rispondi