Raffaella Carrà, la cantante in ginocchio davanti alla bara: l’ultimo saluto è straziante

L’ultimo saluto, da una grande a una grande. È accaduto dopo Maria De Filippi, Renato Zero, Valeria Marini, Pippo Baudo, Leonardo Pieraccioni e Vincenzo Salemme. Poche ore fa anche Loretta Goggi si è recata nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, in cui è stata allestita la camera ardente di Raffaella Carrà.

Raffaella Carrà, Loretta Goggi in ginocchio davanti alla bara

Dopo la grande Maria De Filippi, commossa e addolorata per l’inestimabile perdita, e dopo il gesto di Vladimir Luxuria, che ha appoggiato sulla bara di Raffaella Carrà una splendente bandiera arcobaleno per ricordare tutte le lotte col cuore fatte dalla regina italiana dello spettacolo, è arrivata anche lei.

Raffaella Carrà, Loretta Goggi in ginocchio davanti alla bara
Loretta Goggi – accompagnata dalla sorella – ha dedicato a Raffaella Carrà un gesto memorabile: si è inginocchiata davanti alla bara ed è rimasta ferma e in silenzio per diversi minuti. Sicuramente una immagine che spezza il cuore. “Miei cari tutti, sono sconvolta dalla notizia della nascita al cielo della nostra Raffaella Carrá. Come in Francia l’immagine femminile della Repubblica, la Marianne, è stata spesso raffigurata da grandi artisti come B. Bardot, M.Mercier, M. Mathieu, C. Deneuve, così l’Italia potrebbe benissimo avere il volto di Raffaella!”.

“Il germoglio della nostra amicizia stava crescendo dal giorno in cui ci siamo aperti in un’intervista nel suo programma “A raccontare comincia tu. Il nostro lavoro ci porta spesso a perdere i contatti, ma il regalo di quel nostro incontro lo porterò con me tenendolo ben stretto! Non ha visto nessun mio ricordo legato a Raffaella nei programmi tv e sulle testate dei giornali, ho preferito sapere direttamente a Sergio e all’assistente di Raffaella il mio dolore. Sono ad Ostuni, contemplo il cielo e il mare che si fondono all’orizzonte e penso a Raffaella. Da ieri noi italiani siamo tutti scossi e increduli.”.

 

“Mi domando, come saranno questi suoi primi attimi di eternità. Il Signore le ha donato un grande talento, che ha messo a frutto pienamente, senza lasciare sotterrato nulla. Le ha affidato una grande missione, quella di donare gioia e buon umore a tante generazioni. Per aver portato avanti con dignità quanto affidatole, il Signore ha fatto sì che la sua vita fosse speciale. Chissà ora con quanta riconoscenza la sua anima, sta lodando Dio, stella tra le stelle per sempre. Condivido con te che sei un’artista amata da Dio, questa mia riflessione che si fa preghiera per l’amata Raffaella”.

Rispondi