Morto a 58 anni per la puntura di un’ape. “Evento rarissimo”, cosa è successo. Il decesso in poche ore

Quella che vi stiamo per raccontare è una vicenda che terrorizzerà qualcuno di voi, ma non è di certo la normalità. Anzi, è un caso più unico che raro. Siamo a Oria, in provincia di Brindisi. E a leggerla così questa notizia mette paura: un uomo di soli 58 anni è morto dopo la puntura di un’ape. Si chiamava Maurizio Zingarofalo ed è deceduto per shock anafilattico. Immediato e tempestivo il trasferimento d’urgenza all’ospedale per essere sottoposto alle cure del caso.

maurizio-zingarofalo-morto-ape

Tuttavia Maurizio Zingarofalo è morto nel cuore della notte, lasciando moglie e tre figli. Nessuno se lo sarebbe mai immaginato e neanche lui, di essere allergico alle punture di api, per questo le autorità hanno deciso di fare chiarezza e indagare. Zingarofalo aveva iniziato a sentirsi male subito dopo la puntura dell’insetto e in breve tempo aveva avuto lo shock anafilattico nello stupore di chi era con lui.

maurizio-zingarofalo-morto-ape

Maurizio Zingarofalo, un caso rarissimo
In effetti in queste circostanze, è difficile capire le cause e i sintomi della morte di Maurizio Zingarofalo, ma se veniamo punti da un’ape è sempre meglio fermarsi e aspettare qualche minuto in compagnia di qualcuno che può soccorrerci. Naturalmente, molti tra coloro che lo conoscevano bene parlano di una morte improvvisa e assurda.

maurizio-zingarofalo-morto-ape

È infatti molto raro – spiegano gli esperti – che una puntura di ape possa provocare la morte. Il più delle volte questo insetto causa solo reazioni allergiche. Intanto, visto che la morte di Maurizio Zingarofalo è avvenuta per cause naturali, l’autorità giudiziaria ha disposto che la salma sia restituita alla famiglia. Poco dopo la morte Maurizio, un’altra vicenda ha scosso l’Italia.

Si tratta della morte di Francesco Conte, il 53enne di Genova che ha contattato il medico perché accusava i sintomi dell’infarto. Francesco però non è stato ricoverato ed è deceduto dopo circa 30 ore dalla visita a casa. Ora, la procura di Genova ha aperto un’inchiesta. In entrambi i casi, sia quella di Maurizio Zingarofalo che di Conte, si farà chiarezza, per le famiglie, per queste morti assurde.

Rispondi