Marocchino irregolare aggredisce ragazza alle spalle: lo rincorrono in 7 e lo fanno arrestare

Il 27enne marocchino irregolare e con precedenti forse era convinto di fare un colpo facile quando, martedì sera, ha aggredito alle spalle una ragazza per portarle via il telefono. Ma non aveva fatto i conti con la reazione dei passanti, che hanno permesso alle forze dell’ordine di fermarlo e di arrestarlo. È successo martedì sera a Milano, in una zona abbastanza centrale, anche se defilata, della città. Un episodio che conferma l’escalation di delinquenza della metropoli meneghina.

Il furto

Tutto è iniziato alle 20.30, quando il cittadino marocchino ha raggiunto la ragazza alle spalle per sottrarle il telefono, spiega la questura di Milano che ha condotto l’operazione. Il 27enne è riuscito a strappare l’iPhone dalle mani della giovane ed è quindi scappato a gran velocità ma la ragazza, dopo un primo momento di choc, ha deciso di rincorrerlo. Non ha desistito e gli è stata alle calcagna per un lungo tratto di strada, nonostante lui cercasse di dileguarsi tra le vie laterali di questa parte di città. Mentre correva, la ragazza chiedeva aiuto per attirare l’attenzione dei passanti e la sua tenacia l’ha ripagata. Una coppia in moto, capendo quanto fosse successo, si è unita alla ragazza nell’inseguimento non prima di aver composto il 112. Sono stati loro a recuperare l’iPhone della ragazza, che il ladro aveva gettato via nella fuga nella speranza che finisse quella corsa.

L’inseguimento

Il movimento ha attirato l’attenzione di altre persone, un altro motociclista e due passanti, che non ci hanno pensato due volte a mettersi sulle tracce del fuggitivo per aiutare la ragazza. L’inseguimento è durato a lungo, il marocchino non aveva nessuna intenzione di fermarsi, anche se ormai era chiaro per lui come sarebbe finita quella folle corsa. Al già nutrito gruppo di inseguitori, poi, a un certo punto si è unito anche un rider nigeriano, in quel momento impegnato a effettuare alcune consegne. È lui che, a bordo della sua bicicletta, è riuscito a raggiungerlo e a bloccarlo fino all’arrivo delle forze dell’ordine.

L’arresto

L’intervento della volante è stato abbastanza rapido ma senza l’intervento dei cittadini probabilmente il ladro sarebbe riuscito a far perdere le sue tracce e la ragazza avrebbe dovuto dire addio al suo telefono. Una volta fermato è stato dichiarato in arresto. Aveva con sé uno zaino dove la polizia ha trovato un paio di pantaloni Nike con il cartellino ancora attaccato. Una fattispecie che ha spinto la Questura a indagarlo anche per ricettazione.

ilgiornale.it

Rispondi