Marito rade i capelli della moglie subito dopo il matrimonio

Queste foto commoventi stanno facendo il giro del web: un uomo ha rasato la testa della moglie poco prima che lei si preparasse a combattere il cancro. Prendete dei fazzoletti, ne avrete bisogno quando avrete finito di leggere questa storia. i protagonisti di questa storia sono Charlie e Kelsey Johnson.

Le foto scattate dal fotografo Mandy Parks hanno testimoniato l’amore che unisce questa coppia.

A Charlie è stato diagnosticato un cancro al seno.

Il marito Kelsey, così, rade la testa della moglie prima che le chemioterapie le facciano cadere tutti i capelli.

Il post del fotografo dell’Arknsas ha ricevuto più di 274.000 Like e 269.000 condivisioni (questi numeri saranno di sicuro aumentati quando questo articolo verrà pubblicato) e questo in soli due giorni.

Tantissime persone da ogni parte del mondo hanno inviato alla coppia messaggi di amore e solidarietà.

 

Mandy Parks con queste foto ha voluto testimoniare quanto possano essere forti le donne.

Ma non solo: forti non sempre si nasce, ma lo diventa quando attraversiamo e superiamo le tempeste che la vita ci pone di fronte.

 

Le fotografie mostrano Charlie e Kelsey venire a patti con la malattia.

Nonostante le lacrime, i due sono determinati a combatterla direttamente.

 

La coppia sembra trovare sempre maggior forza mentre Kelsey rade la testa della moglie e la donna, per dimostrare la sua forza.

Dopo essersi osservata pensosamente allo specchio per venire a patti con il suo nuovo aspetto, indossa dei guanti da boxe, una metafora che parla della sua lotta contro il cancro e del suo desiderio di mettere fuori combattimento la malattia con accanto sempre suo marito.

 

I tumori sono una malattia difficile non solo per i pazienti, ma anche per tutti coloro che li circondano e che li amano. Mandy Parks con le sue foto è riuscita a catturare tutte le emozioni della coppia e ha realizzato degli scatti capaci di dare forza a tutti coloro che si accingono a sostenere una battaglia del genere.

 

Rispondi