Maltempo, alluvione in Sardegna: ci sono morti e sfollati. Solinas: “La Regione ristorerà i danni” (video)

È di tre morti accertati e un disperso il bilancio dell’ondata di maltempo che ha colpito la Sardegna e, in particolare, la zona del Nuorese con il comune di Bitti flagellato da una terribile alluvione. In alcuni video il paese appare travolto da un fiume di fango di portata impressionante. ”Secondo il sindaco, che purtroppo ha vissuto anche l’alluvione del 2013, i quantitativi d’acqua che si sono riversati su Bitti sono superiori di quattro volte rispetto all’uragano Cleopatra“, ha detto Antonio Pasquale Belloi, direttore generale della Protezione civile Sardegna.

Le vittime dell’alluvione che ha colpito Bitti

In particolare le vittime del maltempo in Sardegna sono un uomo travolto dall’acqua mentre era a bordo del suo fuoristrada; un anziano di 90 anni, morto nella sua casa travolta dal fango; una delle due persone che risultavano disperse, ma sulla quale le autorità ancora non hanno fornito maggiori informazioni. Bitti, che è isolato da ore e il cui sindaco, Giuseppe Ciccolini, ha invitato alla massima prudenza, non è però l’unico centro della zona colpito così duramente.

A Galtellì sfollata parte della popolazione

Anche a Galtellì, distante una mezz’ora di macchina, la situazione è estremamente complessa. Tanto che il sindaco Giovanni Santo Porcu, d’intesa con la Prefettura e la sala operativa, ha deciso di sfollare una parte della popolazione. Le famiglie che hanno dovuto lasciare la loro casa sono state trasferite in una struttura comunale appositamente attrezzata per ospitarle.

Dalla Regione Sardegna ristori per i danni del maltempo

Ma su quello che sta accadendo nel Nuorese è l’intera macchina regionale ad essere mobilitata, con il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, che segue le operazioni di soccorso personalmente e in costante collegamento con la Protezione Civile Regionale. “Il presidente manifesta la propria vicinanza alle comunità colpite e il più profondo cordoglio per le vittime, e assicura – si legge in un comunicato della Regione – il tempestivo intervento della Regione per il ristoro dei danni“.

 

 

secoloditalia.it

Rispondi