“Lui è malato”. Gratta e Vinci rubato all’anziana, l’avvocato del tabaccaio: “Ecco perché lo ha fatto”

Gratta e Vinci rubato, la storia diventa un ‘caso’. Beccato il titolare della tabaccheria del quartiere napoletano Stella. Si era dato a gambe dopo aver strappato di mano all’anziana il biglietto vincente, per poi essere stato rintracciato all’aeroporto di Fiumicino, con un biglietto per Fuerteventura. Il sogno finisce poco prima che il viaggio potesse avere inizio, ma pare che Gaetano Scutellaro sia pentito del gesto.

Un biglietto con una vincita di 500mila euro che avrebbero rappresentato la svolta di una vita, Gaetano Scutellaro non ha resistito al gesto, ma poi le conseguenze sono subito arrivate. Su Il Mattino, il legale avrebbe dichiarato qualcosa in più sui motivi che avrebbero spinto Gaetano a compiere il gesto.

Queste le parole dell’avvocato: “Piange e chiede scusa a tutti, ma soprattutto alla signora titolare del biglietto, che lui conosce”, poi il legale Vincenzo Strazzullo ha continuano ad aggiungere: “È decisamente provato, mostra fatica nel ricostruire quanto accaduto”.

Napoli Gaetano Scutellaro gratta e vinci pentito avvocato malattia

La sua intenzione, alla luce di quanto accaduto, sarebbe dunque quella di “dimostrare la grave malattia psichiatrica di cui ha spiegato di soffrire”. Una storia diventata virale, quella del Gratta e Vinci rubato, che spalancherebbe le porte a una diversa lettura del gesto.

Napoli Gaetano Scutellaro gratta e vinci pentito avvocato malattia

Pentito, Scutellaro si trova presso il carcere a Santa Maria Capua Vetere e appare “provato, mortificato per l’accaduto e afflitto che, in questo momento, mostra tutto il suo pentimento per i danni che ha provocato anche alla sua famiglia con la quale già non era in buoni rapporti”.

Rispondi