L’Italia ha il record europeo di reazioni allergiche anche gravi causate dal vaccino Pfizer: diventa un caso a Bruxelles

I casi sono due: o l’Italia è il paese dove si registra il maggior numero di reazioni al vaccino anti-Covid della Pfizer, dalla semplice febbre post iniezione all’orticaria, oppure è solo l’Italia a segnalare all’Europa gli effetti collaterali del farmaco, mentre gli altri Stati se ne stanno zitti. Il tema si pone perché la Banca dati europea delle segnalazioni di sospette reazioni avverse (www.adrreports.eu/it/disclaimer.html) ha pubblicato una serie di grafici da cui risulta questo singolare primato dell’Italia: è il Paese dell’Ue dove maggiormente si stanno verificando reazioni allergiche ai vaccini anti-Covid. Per la precisione, alla data del 30 gennaio, su 26.849 eventi avversi al vaccino di Pfizer/BioNtech ben 8.741 casi, di cui 7.811 classificati gravi, si sarebbero verificati in Italia, oltre il 32 per cento.

LE RICHIESTE

La notizia ha messo in allarme anche il mondo politico: il deputato trevigiano Giuseppe Paolin ha annunciato una interrogazione al ministro della Salute Roberto Speranza, mentre il presidente del consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, porrà la questione domani a Bruxelles. Ciambetti, infatti, ieri è stato riconfermato all’unanimità capo della delegazione italiana al Comitato Europeo delle Regioni e domani pomeriggio parteciperà in videoconferenza a un confronto sulla strategia vaccinale cui sarà presente il direttore regionale per l’Europa dell’Oms, Hans Kluge. Ciambetti anticipa che porrà due questioni. La prima riguarderà le forniture: «Se davvero vogliamo raggiungere l’obiettivo di una quota di vaccinati pari al 7% della popolazione Ue entro l’estate, è ora di cambiare rotta. Come possiamo garantire che multinazionali farmaceutiche non cambino all’ultimo momento le quantità di dosi di vaccino concordate da consegnare agli Stati membri?». La seconda è sulla statistica: «In questo momento dovremmo informare e incoraggiare i cittadini a vaccinarsi. Secondo quanto riporta EudraVigilance, il database europeo per la gestione e l’analisi delle segnalazioni di sospette reazioni avverse ai medicinali autorizzati, in Europa, al 30 gennaio 2021, sono stati segnalati 26.849 eventi avversi al vaccino Covid di Pfizer/BioNtech. Lo Stato con più eventi avversi, circa il 32.55 per cento, è l’Italia con 8.741 casi, di cui 7.811, classificati gravi. Risulta questa statistica?».

LA RASSICURAZIONE

In Veneto, secondo quanto riferisce il direttore generale della Sanità della Regione, Luciano Flor, non si sono verificate reazioni avverse: «Da quanto mi risulta ci sono state solo alcune reazioni lievi: un giorno di febbriciattola, un ingrossamento linfonodale, qualche dolore al braccio, dolori articolari, solo un caso di reazione allergica che si è risolta nell’arco di un’ora, ma nessun ricovero né situazione grave». Pochi casi in occasione della prima dose, un po’ di più con il richiamo. Flor ha ricordato che alla vaccinazione, per ogni evenienza, è sempre presente un medico.

Rispondi