Libero De Rienzo trovato morto in casa a 44 anni: cinema italiano in lutto, la causa del decesso

È morto l’attore Libero De Rienzo: l’interprete di film come Santa Maradona e soprattutto la saga di Smetto quando voglio aveva solo 44 anni, a stroncarlo sarebbe stato un infarto. A renderlo noto è stata la famiglia. Interprete, regista e sceneggiatore napoletano di nascita, era romano di fatto: viveva nella capitale dall’età di 2 anni. Era sposato con la costumista Marcella Mosca da cui ha avuto due figli, di 6 e 2 anni. La salma sarà inumata in Irpinia, accanto a quella della mamma.

De Rienzo viveva in zona Madonna del Riposo. A trovarlo è stato un amico, che non aveva sue notizie da giorni e che aveva cercato invano di mettersi in contatto con lui. Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 e i carabinieri della stazione Madonna del Riposo. A quanto risulta al momento, sul corpo dell’attore non sono stati riscontrati segni di violenza.

Libero era in qualche modo figlio d’arte e cresciuto nel mondo del cinema: suo padre Fiore De Rienzo era stato aiuto regista di Citto Maselli. Nel 2002 il primo ruolo importante e il primo prestigioso riconoscimento, il David di Donatello per Santa Maradona di Marco Conti. Nel 2004 altro successo di critica e pubblico con A/R Andata+ritorno, sempre per la regia di Conti e con Vanessa Incontrada come partner sulla scena. Non solo commedie. Nel 2006 l’intenso Fortapàsc di Marco Risi (De Rienzo interpretava Giancarlo Siani, giornalista napoletano assassinato dalla camorra). Il film che però lo ha consacrato è stato il cult Smetto quando voglio nel 2014, il film di Sidney Sibilia che ha mescolato genere comico e action all’americana inaugurando una nuova stagione per la commedia italiana. Nel 2017 ha girato anche i sequel Masterclass e Ad honorem. L’ultima pellicola interpretata è stata Il caso Pantani – L’omicidio di un campione, firmato da Domenico Ciolfi nel 2020.

Rispondi