La ragazza e la banana, video-scandalo al ristorante giapponese. Scene estreme, finisce in disgrazia

Uno scandalo a luci rosse in un ristorante giapponese sta scuotendo Rocky Mount, cttadina della Carolina del Nord, e gli Stati Uniti. Tutto nasce quando il sito americano di gossip wral.com pubblica le foto, compromettenti ed esplicite, di una dirigente del locale intenta a fare un uso “non convenzionale” di una banana all’interno del ristorante.

L’esibizione a luci rosse della biondina è poi finita sul più famoso sito a pagamento per adulti del mondo, OnlyFans. Ora lo stesso sito wral.com riferisce che la dirigente del ristorante della catena Ichiban è stato costretto a dimettersi per l’imbarazzante vicenda.

 

Sarebbe stato un cittadino locale ad avvertire la polizia del video pubblicato sul sito di contenuti hard pay-per-view. Nella clip, la dipendente si riprende all’interno del locale (in un passaggio si notano alle sue spalle gli schermi delle telecamere di sicurezza) mentre fa uso creativo del frutto giallo, strumento indispensabile, visto la solitudine della protagonista, per simulare un amplesso a uso e consumo degli spettatori collegati a pc e smartphone.

Tutto questo, è la denuncia del cittadino indignato (che immaginiamo aver fatto un sobbalzo mentre si stava gustando il video comodamente seduto in poltrona), all’oscuro ovviamente degli avventori del ristorante di carne e sushi, che si sarebbero potuti ritrovare quella banana da un momento all’altro in tavola o in qualche piatto.

 

 

Wral.com precisa tra l’altro che nel menu del ristorante nippo-americano è espressamente inclusa la banana alla cannella. Auguri agli avventori. Dopo qualche ora di chiacchiericcio insistito e piccante, il proprietario Joon Lee ha dichiarato di non essere ovviamente mai stato a conoscenza della pratica della sua manager, scaricando ogni responsabilità sulla stessa, Christen Colbert, che lavorava da 15 anni nel ristorante. A poco è valsa l’autodifesa della donna, che ha assicurato di essersi poi mangiata la banana: dimissioni, prima di venire licenziata.

 

Rispondi