La furia del 16enne sui negozi: calci e pugni alla vetrina per svaligiarli

In una notte ha commesso un furto e tre falliti tentativi ai danni di altrettanti negozi del centro di Ventimiglia, in provincia di Imperia.

Come se ciò non bastasse, ha pure tentato di impossessarsi di tre scooter posteggiati per strada. In tutti i casi protagonista è un sedicenne con una lunga sfilza di precedenti alle spalle, che è stato rintracciato e denunciato dalla polizia.

Dovrà rispondere di furto e danneggiamento. In poche ore il ragazzino è riuscito a mettere in fibrillazione tutta la città, non fosse altro che per il fatto che il giorno prima, proprio a Ventimiglia, si era riunito in sessione straordinaria il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato dal Prefetto di Imperia, Alberto Intini, per discutere sull’emergenza dei migranti. Era stato il sindaco della città di confine, Gaetano Scullino, a sollecitare un incontro con le forze di polizia, in seguito alla presenza di numerosi stranieri in città. Proprio durante il vertice era emerso che, malgrado la diffusa percezione di insicurezza da parte degli abitanti, i reati (complice il mini lockdown) erano crollati, nel 2020, del 34 per cento.

Cosa succede, allora. La notte successiva entra in azione il sedicenne, che dà libero sfogo alla propria furia. Tra i malcapitati, c’è pure il capogruppo consiliare della lista civica “Scullino Sindaco”, Maurizio Rea, titolare del bar Canada, di via Aprosio, la cui porta a vetri del locale viene danneggiata. Subito si pensa a un dispetto, ma non viene scartata anche l’ipotesi del fallito tentativo di furto, come risulterà dalle telecamere di videosorveglianza.

In un caso, quello di via Cavour, il giovane viene ripreso di spalle dallo smartphone di un abitante. Nel breve filmato che pubblichiamo qui in pagina, si nota il sedicenne – che indossa un cappello bianco e la mascherina – avvicinarsi alla vetrina. A un certo punto alza il cappuccio della giacca per coprirsi il volto e sferra un calcio deciso alla vetrina, ma questa non si frantuma. Senza troppo scomporsi, sale sulla bicicletta posteggiata sul marciapiede e si allontana. Quella notte, alla fine, riuscirà a rubare soltanto pochi soldi nel salone di un parrucchiere delle vicinanze.

Data la situazione di tensione, in città, dovuta alla presenza di stranieri, a dare notizia della segnalazione del sedicenne è direttamente il questore di Imperia, Pietro Milone: “Non parliamo, dunque di migranti, ma di episodi ascritti a un ragazzo con problemi comportamentali, che è stato immediatamente rintracciato e denunciato, perché la copertura di tutte le forze di polizia, quindi anche carabinieri e guardia di finanza, è massima e la gente può stare tranquilla”.

ilgiornale.it

Rispondi