Italia, non c’è stato nulla da fare: è successo tutto sotto gli occhi dei genitori. 15enne muore annegato a Panarea

Dramma a Panarea: un ragazzo di 15 anni è annegato nelle acque nei pressi dell’isola dopo essersi tuffato in mare dalla barca affittata dai genitori, originari di Milano, ma residenti in Svizzera, con una casa di proprietà alle Eolie.

La tragedia è avvenuta nella giornata di ieri, lunedì 26 luglio. Secondo una prima ricostruzione, il giovane si è tuffato con maschera e pinne nei pressi dell’isolotto di Lisca Bianca:

dopo alcuni minuti, non vedendolo più riemergere, i genitori hanno dato l’allarme. Nel tratto di mare sono giunti i sub del Diving locale che si sono immersi. Hanno iniziato a perlustrare il tratto di mare e hanno rinvenuto il corpo privo di vita.

Al momento non è ancora stata fatta chiarezza sulle cause della morte del giovanissimo sub e tra le ipotesi c’è anche quella di un improvviso malore sopraggiunto proprio mentre si trovava in mare.

La famiglia è molto conosciuta, vive a Panarea da diversi anni e tra la gente c’è dolore immenso. La guardia costiera ha inviato un fascicolo alla procura di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina. La salma è stata trasferita nella sala mortuaria del cimitero a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Credits Foto: La compagnia del mare

Rispondi