Israele, un altro cittadino muore dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer: “Aveva problemi di salute”

Un altro cittadino israeliano è deceduto dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Pfizer; l’uomo aveva 88 anni, segnala il giornale locale Times of Israel.

“L’uomo è morto a Gerusalemme poche ore dopo aver ricevuto il vaccino contro il coronavirus”, scrive il quotidiano.

Allo stesso tempo i medici sottolineano che il paziente 88enne aveva problemi di salute “cronici, gravi e complessi”.

All’inizio della settimana era stato riferito che un israeliano 75enne era deceduto per un attacco cardiaco dopo aver ricevuto il vaccino contro il coronavirus della Pfizer. Le prime analisi non avevano trovato evidenze tra il decesso e la vaccinazione.

La vaccinazione di massa contro il coronavirus è iniziata in Israele il 20 dicembre. Inizialmente il vaccino è stato offerto ad operatori sanitari, studenti di medicina, personale di istituzioni geriatriche e rappresentanti delle autorità, che dovrebbero, con il loro esempio, incoraggiare i cittadini a vaccinarsi. Nella seconda fase vengono vaccinati i cittadini di età superiore ai 60 anni e le persone appartenenti alle categorie a rischio di complicazioni gravi del Covid.

Vaccinazione in Italia e Europa contro il Covid-19

Ricordiamo che domenica 27 dicembre in Italia, così come nella maggioranza dei Paesi della Ue, è iniziata la campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Le prime tre dosi di vaccino sono state somministrate su tre operatori sanitari all’Istituto Spallanzani di Roma. In questi primi giorni di vaccinazione da politici e virologi sono stati fatti molti appelli a difesa del vaccino e a sostegno dell’importanza di vaccinarsi.

Rispondi