Incidente bus Capri, la moglie incinta dell’autista morto ha perso il bimbo che portava in grembo

Giovedì 22 luglio un minibus con a bordo 15 persone è uscito di strada precipitando per circa una decina di metri nella zona di Marina Grande, a Capri. L’autista è morto, 28 i feriti giunti all’ospedale dell’isola. A una settimana dall’incidente i feriti più gravi stanno meglio e nessuno è in pericolo di vita.

L’unica vittima si chiamava Emanuele Melillo, aveva 33 anni, era di Napoli, ed era conosciuto nell’isola, dove svolgeva con passione il suo lavoro. L’incidente è avvenuto intorno alle 11.30. Il minibus era partito dal porto di Marina Grande e aveva percorso alcuni metri di via Marina Grande.

Mentre percorreva una salita ha urtato una ringhiera di protezione del marciapiede precipitando lungo una scarpata per una decina di metri, finendo la sua corsa contro uno stabilimento balneare. Secondo la testimonianza di uno dei passeggeri l’autista morto nell’incidente ha fatto di tutto per sterzare e salvare la vita dei passeggeri. Si punta a verificare eventuali guasti tecnici o difetti di manutenzione.

“Mi è sembrato di vedere la scena dall’esterno del bus. La ruota ha toccato il marciapiede, come se fosse fuori asse. – ha detto il testimone a La vita in diretta – L’autista ha cercato di sterzare: ha appoggiato anche la testa al finestrino come voler accompagnare la manovra. Poi ho visto la ringhiera venire meno ed ho sentito il bus scivolare, come se fossimo in un frullatore. Non so cosa abbia causato l’incidente. So solo che oggi siamo quì a raccontarlo. Mi dispiace solo per quel povero ragazzo”, ha raccontato il testimone.

Neanche un mese fa aveva pubblicato su Facebook l’esito di un test positivo di gravidanza commentando: “Aumentano i Melillo”. A una settimana dalla morte di Emanuele la notizia che aggiunge dolore a dolore, Rosaria Ardito, 30 anni, la compagna di Emanuele Melillo ha perso il bambino. Secondo quanto riporta Il Mattino, la donna ha iniziato ad accusare dolori dopo aver appreso la notizia della morte del compagno.

 

Rispondi