Ha sempre salutato questo vagabondo, finché un giorno gli ha regalato un pezzo di carta che gli ha cambiato la vita

“La speranza è il peso più grande che un uomo può portare con sé. Essa è la disgrazia di un sognatore”. (Ramundo Arruda Sobrinho) Con questa breve poesia introduciamo la storia che vogliamo raccontarvi oggi, incentrata proprio sulla speranza. Il protagonista è un uomo brasiliano di 77 anni, il cui nome è Ramundo Arruda Sobrinho. Ramundo ormai da 35 anni vive da senzatetto, per le strade della capitale carioca, San Paolo.

Ha sempre amato scrivere poesie e brevi racconti, passione che ha continuato a coltivare anche dopo aver iniziato a vivere per strada. La sua sistemazione è quasi sempre stata la stessa, vicino ad una delle strade principali, tanto che lo stesso Ramundo ha ribattezzato quel luogo “l’isola”. Nel corso del 2011, ha conosciuto una donna di nome Shalla, la quale lo salutava ogni volta che si trovava a passare di lì.

Al loro primo incontro Ramundo le ha voluto donare una delle sue poesie, senza sapere che quel gesto avrebbe cambiato la vita ad entrambi. Incantata dai versi scritti dall’uomo, la ragazza sentì che Ramundo e i suoi componimenti meritavano la giusta visibilità. Lui stesso le aveva confessato che uno dei suoi sogni nel cassetto, era quello di poter pubblicare un libro, che raccogliesse i suoi scritti.

Così Shalla creò una pagina Facebook a nome dell’uomo, nella quale condivideva le poesie e i racconti che lui le donava di volta in volta. In breve tempo molti cittadini di San Paolo iniziarono a riconoscere l’uomo, avendolo già visto sul social network. Si fermavano a salutarlo, a scambiare qualche parola con lui, e ad apprezzare tutti i suoi componimenti.

Ma da lì a poco, la vita di Ramundo stava per cambiare per sempre, grazie alla nobile iniziativa della ragazza. I followers della sua pagina Facebook continuavano a crescere, così come la sua popolarità in tutto il Brasile. La sua storia e le sue poesie giunsero ad un uomo, il quale si scoprì essere il vero fratello naturale di Ramundo.

Riconoscendo il fratello con il quale non aveva contatti da ben 57 anni, l’uomo non esitò un istante a raggiungerlo. Dopo un profondo e sentito abbraccio tra i due, l’uomo prese con sé Ramundo e lo ospitò in casa sua insieme alla sua famiglia. Il senzatetto aveva finalmente una casa e persone intorno a lui che gli volevano bene.

Questo era il giusto ed inaspettato riconoscimento per tutti quegli anni in cui non aveva mai smesso di sperare. Grazie all’aiuto di coloro che gli erano stati vicino, Ramundo Arruda Sobrinho diventò davvero un poeta riconosciuto, riuscendo a pubblicare il suo libro di poesie. Da allora il suo nome è sempre stato accreditato come uno dei più brillanti e profondi poeti contemporanei del Brasile.

Vi lasciamo alla visione del video dell’intera storia di quest’uomo che nella sua vita, nonostante le avversità, non ha mai smesso di sperare:

Rispondi