Giulia Bongiorno “incastrerà Grillo e suo figlio”. Senaldi: inatteso intreccio politico e giudiziario

La vendetta è un piatto che si consuma freddo. Basta avere pazienza e l’occasione si presenta quasi inevitabilmente, dietro uno dei tanti tornanti della vita. Da che Salvini ha piantato in asso M5S, non è passato giorno senza che i grillini attingessero al loro ricco serbatoio di contumelie e aggressività repressa per insultare la Lega, diventata – anzi, tornata a essere – nella narrazione dei cinquestelle, «neofascissta», «pericolosa», «inaffidabile», «antitaliana». La notizia è che a tappare la bocca a Beppe Grillo sarà con ogni probabilità Giulia Bongiorno, l’avvocato che Salvini ha candidato al Senato e che il leader leghista si è scelto per difenderlo dall’accusa di essere un sequestratore seriale nei processi che ha in giro per la Sicilia da che si è opposto da ministro agli sbarchi dei clandestini dalle navi delle organizzazioni umanitarie. La celebre penalista, paladina delle donne abusate, a sostegno delle quali nel 2007 ha creato con Michelle Hunziker la fondazione Doppia Difesa, ha infatti assunto la tutela di una delle due ragazze che, con le loro denunce, hanno portato alla sbarra Ciro Grillo, il figlio del comico intristito, accusato di stupro in complicità con tre suoi compagni di merende.

Un pensiero su “Giulia Bongiorno “incastrerà Grillo e suo figlio”. Senaldi: inatteso intreccio politico e giudiziario

  • 23 Novembre 2020 in 09:22
    Permalink

    Confido tanto che riesca ad ottenere una punizione esemplare, un mega risarcimento per le ragazze, e un conseguente allontanamento dalla politica del padre giullare.

    Rispondi

Rispondi