Galli, “È una bufala”: ora il danno è drammatico

Divampa la polemica per la la sospensione del vaccino AstraZeneca in Italia. «Lo stop della campagna vaccinale farà molti più danni di quanti possano fare le vaccinazioni». Lo ha affermato Massimo Galli, primario del Dipartimento di malattie infettive del «Sacco» di Milano, intervenendo ad «Agorà» su Raitre.

«In una situazione in cui dobbiamo vaccinare tutti il prima possibile per evitare che la gente muoia – ha spiegato Galli – lo stop non farà per niente bene al vaccino in questione e ad una organizzazione che fatica a decollare per mancanza di dosi».

«Credo che l’effetto domino delle sospensioni attuate ieri potesse essere diversamente valutato. E che questo tipo di decisioni potevano essere mediate e anche del tutto evitate». Così il primario del Sacco Massimo Galli nel corso dell’evento “Online Talk Sanità Strategie per la Riforma del Sistema e Vincere la Pandemia” organizzato da Rcs Academy.

«Questa – ha precisato – è la mia irrilevante posizione, è la mia opinione ma sono timoroso delle possibili conseguenze». «Non voglio fare dietrologie o complottismi ma talvolta i guai sembrano, almeno in parte, auto provocati dall’Europa stessa» ha concluso.

Dello stesso parere Carlo La Vecchia, docente di Statistica medica ed Epidemiologia all’Università Statale di Milano: «La strategia ci cautela scelta dall’Europa è logica – ha commenta a «Radio anch’io» su Radio Rai1 – ma nella migliore delle ipotesi, se anche un giudizio positivo dell’Ema arrivasse giovedì, avremo perso una settimana di campagna vaccinale, circa un milione di dosi.

E questo rallentamento porterà a centinaia di decessi in più». «E’ una macchina complessa, va rimessa in piedi – spiega La Vecchia – Quel che è certo che tre mesi di campagna di vaccinazione di massa hanno permesso di salvare migliaia di cittadini».

Rispondi