“Fuga di corrente” da un tombino dopo la nevicata: cane muore fulminato in strada

Ha poggiato la zampa su quel tombino mentre, insieme al suo padrone, attraversava la strada. E in un attimo è stramazzato al suolo, già privo di vita. Tragedia martedì sera a Cesano Boscone, nel Milanese, dove un cagnolino è morto fulminato in strada a causa di una “fuga di corrente” dovuta – stando alle prime informazioni – alla fitta nevicata delle ore precedenti.

A raccontare l’accaduto, con un video in diretta sul proprio profilo Facebook, è stato il sindaco Simone Negri, che si è detto particolarmente dispiaciuto per l’animale e il suo padrone. Teatro del dramma, avvenuto verso le 19, è stato l’angolo tra via Roma e via Tommaseo e – stando alle parole del sindaco – nella stessa giornata si sono verificati altri quattro episodi identici in altri comuni del Milanese.

“Le nevicate fanno sì che acqua, neve e ghiaccio finiscano nei tombini e che si creino dei ponti – ha spiegato il primo cittadino -. Appena i cani mettono le zampe nell’acqua vengono fulminati. È una cosa che non dovrebbe succedere perché questi impianti dovrebbero essere isolati. Sono cose oggettivamente molto fastidiose e cercheremo di capire cosa è successo”, ha assicurato il sindaco.

Sul posto, per tutti i controlli e i rilievi del caso, sono intervenuti i tecnici Enel – che hanno lavorato per riparare il guasto – e polizia locale e carabinieri, che hanno isolato la zona, cinturando l’area attorno al tombino.

Rispondi