Esplosione in una palazzina, feriti e soccorsi sul posto: persone sotto le macerie

Un boato ha squarciato le prime ore di Roma nel quartiere Torre Angela. Un’esplosione seguita poi dalle fiamme e da un crollo al quarto e ultimo piano di una palazzina al civico 136 di via Atteone. A dare l’allarme alcuni vicini. Arrivata la chiamata al Numero Unico delle Emergenze 112, la Sala Operativa del Comando provinciale di Roma ha inviato diverse squadre e nuclei speciali, che hanno lavorato sul posto per diverse ore per domare le fiamme.

esplosione roma

Sul posto due squadre dei vigili del fuoco, polizia municipale e gli uomini del 118. La parte inferiore dello stabile è stata immediatamente evacuata. Al momento sarebbero 4 i feriti, tutti residenti al piano del crollato. A quanto riporta il Messaggero un uomo, un anziano di cui non è stata resa nota l’età, sarebbe in gravi condizioni.

esplosione roma

Trasportato in codice rosso all’ospedale Sant’Eugenio, sarebbe stato preso in cura dai medici. Impressionanti le immagini, con l’esplosione che ha letteralmente sventrato un muro e parte del balcone al terzo piano di via Atteone. Stando a quanto riportato dai vigili del fuoco (che hanno anche salvato un cane), che parlano di “crollo”, le cause dell’incendio sarebbero probabilmente sono dovute ad “una fuga di gas”.

esplosione roma

A riportare quanto successo sarebbe stato proprio l’inquilino dell’appartamento coinvolto, un italiano che vive da solo. “Ho acceso una sigaretta ed è scoppiato l’appartamento” avrebbe dichiarato ancora sotto choc ai soccorritori. L’uomo è rimasto ustionato in gran parte del corpo. Intanto i soccorsi continuano, si scava alla ricerca di qualche possibile disperso.

Sul posto restano i vigili del fuoco e personale Italgas, mentre gli agenti del VI gruppo Torri della Polizia Locale sono impegnati nella messa in sicurezza dell’area e nell’interdizione del traffico veicolare così da permettere le operazioni ai mezzi di soccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri della stazione Roma Tor Bella Monaca.

Rispondi