Esplosione a Kabul, Usa: “Abbiamo colpito un kamikaze”

Non sembra esserci più pace per l’Afghanistan. Una nuova, forte esplosione è stata udita a Kabul, dove sono in corso le ultime evacuazioni ad opera delle forze degli Stati Uniti. L’agenzia di stampa russa Ria Novosti, in un primo momento, aveva parlato di un attacco missilistico. In seguito è emerso che la deflagrazione è da collegare a un’operazione dei militari Usa. Fonti americane hanno spiegato all’agenzia Reuters che gli Stati Uniti avrebbero colpito un obiettivo situato nella capitale afghana.

Raid Usa contro kamikaze
Secondo quanto riferito dall’emittente Al Arabiya, una “grande esplosione” avrebbe prodotto un’alta colonna di fumo. Tolonews ha aggiunto ulteriori particolari: un razzo ha colpito un edificio residenziale vicino lo scalo. Tutto lasciava presagire che si trattasse di un attacco realizzato dai Talebani ma così non è stato.

Un portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha spiegato in un messaggio inviato ai giornalisti che un raid aereo degli Stati Uniti ha preso di mira oggi un attentatore suicida, a bordo di un veicolo, che voleva colpire l’aeroporto internazionale di Kabul durante le operazioni di evacuazione degli americani in corso. La conferma è arrivata anche dal New York Times, che ha citato fonti statunitensi.

Un funzionario della Difesa americana, citato dalla Cnn, ha riferito ch gli Stati Uniti hanno condotto un raid aereo difensivo a Kabul contro una sospetta autobomba dell’isis-K che prendeva di mira l’aeroporto di Kabul. Lo stesso funzionario ha sottolineato che la significativa esplosione secondaria indica la presenza di un importante quantitativo di esplosivo. L’attacco è stato condotto da un drone. Le prime indicazioni riferiscono che l’attacco non ha provocato vittime civili, riferisce ancora il funzionario.

Cosa succede a Kabul
Al momento, i media non sono riusciti a raggiungere funzionari dell’esercito Usa per avere un loro commento. Non è chiaro se il raid Usa sia legato alla forte esplosione avvenuta poco fa a Kabul e che, secondo fonti afgane, avrebbe provocato la morte di un bambino.

In precedenza, l’ambasciata degli Stati Uniti aveva parlato di un “rischio credibile” di nuovo attacco presso lo calo aereo della capitale. L’allerta era alta dopo la risposta degli Stati Uniti al precedente duplice attacco fuori l’aeroporto di Kabul, costato la vita ad almeno 169 afgani e 13 militari statunitensi.

 

Morti e feriti
Le notizie sono ancora convulse ma iniziano ad emergere i primi dettagli dell’accaduto. L’agenzia di stampa afghana Asvaka ha spiegato che almeno cinque persone sono rimaste uccise e tre ferite. Tra le vittime ci sono anche bambini (3) e donne.

Un funzionario della sicurezza del governo appena deposto ha riferito all’agenzia Afp che si è trattato di un razzo che “dalle prime informazioni ha colpito una casa” nell’area di Khawja Bughra, nei pressi dell’aeroporto di Kabul. Nessun gruppo ha fin qui rivendicato l’attacco. Resta da capire se il razzo sparato contro il palazzo e il raid americano siano due vicende diverse o meno.

Rispondi