Denise Pipitone, chi è la ragazza segnalata a Scalea: la verità in un video

«Non sono io Denise Pipitone». Così ha risposto a Chi l’ha visto la ragazza segnalata in Calabria. Ieri i carabinieri di Scalea (Cosenza) avevano avvisato la procura di Marsala di aver avviato accertamenti sulla 19enne di origini romene dopo la segnalazione di due persone, una parrucchiera e una signora che ha un compra oro, come riportato da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5.

Proprio la conduttrice ha intervistato in esclusiva in diretta la ragazza, che ha smentito di essere Denise Pipitone. «Fino all’età di 6 anni e mezzo ho vissuto in Romania», ha precisato per confermare di non poter essere la figlia di Piera Maggio. «La somiglianza è poca», aggiunge e poi spiega di non avere nulla da aggiungere rispetto alla segnalazione della guardia girata che aveva fatto un video di una bambina che somiglia a Denise Pipitone. «Ora torno a Cosenza. No, non vivo con la mia mamma, ma da sola».

Tornano a riaccendersi in maniera importante i riflettori sulla vicenda di Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo. Come vi stiamo raccontando da stamane l’ultima segnalazione di una ragazza somigliante giunge da Scalea, in provincia di Cosenza, dove una giovane ventenne sarebbe stata “segnalata” da una parrucchiera locale, che avrebbe mandato un messaggio vocale in cui riferiva appunto somiglianze fisiche con Denise Pipotone, ma soprattutto legate “alla genesi di questa ragazza” (che si chiama tra l’altro anche lei Denise), con la figlia di Piera Maggio che oggi avrebbe 20 anni (essendo nata il 26 ottobre 2000).

Nel contempo si indaga anche verso altre direzioni, e l’avvocato Giacomo Frazzitta, aveva dichiarato ieri a Mattino 5 di essere sulle tracce della famosa donna nomade filmata a Milano circa un mese dopo la scomparsa di Denise in compagnia di una bimba siciliana che sembrava potesse essere proprio la Pipitone. “Non sappiamo se quella bambina – aveva precisato il legale – ormai adulta, che appare nel video di Felice Grieco realizzato il 18 ottobre 2004 sia Denise Pipitone, ma oggi è importante trovare la nomade che era con quel minore.

Possiamo trovare la donna rom – aveva proseguito – se riuscissimo a trovare lei, potremmo toglierci il dubbio su quella bambina del video”. L’avvocato Giacomo Frazzitta, storico legale di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, è intervenuto per commentare le ultime notizie circa una giovane di Scalea, in provincia di Cosenza, che sembrerebbe essere molto somigliante alla bimba scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004.

“Abbiamo avuto una segnalazione ieri pomeriggio da una signora – le parole rilasciate ai microfoni di Affaritalianit.it – che ha provveduto ad informare subito i carabinieri. Ora vedremo di mettere in piedi una collaborazione e perché ci sono degli elementi di genesi, di nascita, piuttosto incerti. Poi, al momento non sappiamo null’altro”. Il legale non entra comunque nel dettaglio, e pare che nelle ultimissime ore sarebbero emerse novità che renderebbero la pista di Scalea l’ennesima falsa pista: “Di queste cose non so cosa dirle perché la procura con me non parla”. L’avvocato ha aggiunto: “Le mie mosse future? E’ chiaro che non le rivelerò a nessuno.

Rispondi