Crisi, “a un passo dal baratro”: la bozza del Recovery Plan bocciata dai renziani, “verso la conta in Aula”

“A un passo dal baratro: la rottura e la conta, in Aula al Senato”. Lo scrive l’Ansa, secondo cui la crisi di governo è inevitabile dopo che la bozza del Recovery Plan non ha incontrato il favore dei renziani, descritti insoddisfatti, tesi e irritati nei rapporti con gli alleati giallorossi. Una prova di ciò è fornita dalle ultime dichiarazioni della ministra Teresa Bellanova, per la quale il tempo è scaduto per Giuseppe Conte: “Ora servono risposte. Il premier dovrebbe prendere atto che questa esperienza è al capolinea e dire se siamo in grado tutti di ripartire. Sono mesi che chiediamo un accordo programmatico perché non si può andare avanti con un Dpcm o un decreto alla settimana”.

Un primo banco di prova sarà la riunione del premier con i capi delegazione, allargata a due delegati per ogni partito di maggioranza. Poi l’appuntamento cruciale sarà il Consiglio dei ministri, che potrebbe riunirsi lunedì anziché domani, segno che potrebbe ancora esserci spazio di manovra per un accordo: “Prima del Cdm vogliamo vedere tutto il resto del Recovery Plan per confrontarci con i nostri parlamentari – ha affermato la Bellanova – sappiamo che c’è il tentativo di campagna acquisti in corso: purtroppo al premier non sta andando bene. Conte vuole misurarsi con la soluzione dei problemi? Allora non minacciasse di andare in Parlamento perché lì bisogna andare, lì si va e si avanzano le proposte, se si ha il consenso si governa se no si passa la mano”.

 

Rispondi