Covid, l’infettivologo Bassetti: “Utopia pensare di tornare alla normalità per l’estate”

“Sul fatto di essere fiducioso per l’estate, il ministro Speranza è stato forse troppo ottimista. In questo momento è giusto che il ministro della Salute dia messaggi rassicuranti, però dal punto di vista operativo l’estate è dietro l’angolo. Dobbiamo ragionare non tanto per l’estate, nella quale credo sia utopico pensare di tornare alla normalità, ma mettere in sicurezza italiani e prepararci per l’inizio dell’autunno”. Lo dichiara Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, commentando le parole del ministro della Salute che a ‘Domenica In’ ha affermato che “faremo un’estate diversa rispetto alle giornate che stiamo attraversando oggi ancora con le restrizioni”.

“L’obiettivo deve essere l’immunità di gregge, 70-75% italiani vaccinati per novembre. Altrimenti potrebbe esserci una quarta ondata davvero pesante – avverte Bassetti – soprattutto se ci arrivassimo senza essere immunizzati”.

Sulla sua pagina Facebook Bassetti ha anche fatto il punto sul tema vaccini. “Sono stati presentati i dati su oltre 32.000 persone che avevano ricevuto il vaccino di AstraZeneca in uno studio randomizzato controllato svolto in America _ scrive Bassetti _ l’ efficacia per le forme sintomatiche è stata del 79% e del 100% per le forme gravi o il ricovero ospedaliero. L’efficacia si è mantenuta in tutte le fasce di età con valori che hanno raggiunto l’80% in quelli con più di 65 anni. Anche per quel che riguarda gli effetti collaterali, il vaccino si è rivelato sicuro senza alcun episodio di trombosi. L’unico modo che abbiamo a disposizione per fare corretta informazione è fornire dati e numeri. Dati e numeri dicono che il vaccino di AZ, come quelli di Pfizer e di Moderna sono sicuri. Chi dice il contrario sta dalla parte del virus. Non dimentichiamolo”.

genova.repubblica.it

Rispondi