“Cosa è emerso sui genitori”. Nicola Tanturli, le conclusioni degli investigatori

L’Italia intera ha vissuto ore di angoscia dopo la sparizione di Nicola Tanturli, il bimbo di appena 21 mesi scomparso nel nulla nell’Alto Mugello dopo essere stato messo a letto dai suoi genitori. Dopo trenta ore di forsennate ricerche è stato fortunatamente trovato, grazie ad un giornalista de ‘La Vita in diretta’, in fondo ad una scarpata. E, nonostante lo spavento e qualche escoriazione legata alla caduta, è stato dunque ritrovato in buone condizioni di salute per la gioia della madre e del padre.

Dopo la risoluzione positiva del caso è stata comunque aperta un’indagine a carico di ignoti per fare piena luce sulla vicenda. Erano infatti emerse delle ombre, infatti il piccolo indossava dei sandali e quindi gli inquirenti si erano chiesti come fosse stato possibile metterseli da solo. L’alternativa è che avesse dormito con quelli, cosa che è stata confermata dal padre Leonardo: “Nicola aveva le scarpine perché si era addormentato in braccio a sua madre e non glieli ha sfilati. Doveva essere un pisolino”.

Nicola Tanturli Bimbo Scomparso Mugello Nessuna Responsabilità Penale Genitori

Nicola Tanturli Bimbo Scomparso Mugello Nessuna Responsabilità Penale Genitori
Poi i dubbi sulla sparizione di Nicola Tanturli erano stati sollevati sul fatto che l’allarme fosse stato lanciato solamente nove ore dopo la scomparsa. E lo stesso papà aveva detto a tal proposito: “Questo è stato un errore, l’ho detto fin da subito. Conosco molto bene quella zona, io e la mia compagna abbiamo cercato tutta la notte fiduciosi. Abbiamo cercato ancora più motivati quando abbiamo sentito un pianto”. E adesso, stando ad alcune fonti vicine agli inquirenti di Firenze, c’è una novità sui genitori.

Nicola Tanturli Genitori Nessuna Responsabilità Penale
Nicola Tanturli Genitori Nessuna Responsabilità Penale
Secondo queste indiscrezioni, non ci sarebbe alcuna responsabilità penale da parte dei genitori di Nicola Tanturli. I carabinieri non hanno ancora girato tutti gli atti alla Procura, ma stando a quanto è stato accertato, non ci sarebbe stato alcun comportamento sbagliato della mamma e del papà del bambino scomparso e poi ritrovato. Ciò che i due hanno raccontato è stato ritenuto credibile e veritiero e ci sono anche state delle conferme. Dunque, il piccolo è uscito di casa da soli perdendosi poi nei boschi.

 

Il giornalista che ha trovato Nicola Tanturli ha commentato: “Vedere quella mamma che abbracciava il bambino che davano per spacciato quando sono arrivato è stato un’emozione incredibile. Vedere i bacini del bambino è stato qualcosa di straordinario. Io non sono genitore, ma mi sono sentito padre di quel bambino. Sono stato con loro senza telecamere e ho visto soltanto amore”.

Rispondi