Coronavirus, neonato di due mesi in rianimazione a Palermo. Intubata la sorella. I genitori sono no vax

Un neonato di due mesi risultato positivo alla variante inglese, e non a quella Delta come si sospettava, è ricoverato all’ospedale Cervello di Palermo per complicazioni legate al Covid. È intubato e in rianimazione per alcuni problemi cerebrali. Le sue condizioni sono stabili. Anche la madre del piccolo è risultata positiva.

E’ inoltre ancora ricoverata, intubata, all’ospedale Di Cristina l’altra bambina di 9 anni, anche lei positiva al Covid. Da quanto riporta il sito Leggo.it pare che “i genitori non sono vaccinati. La sorella è stata a lungo in Spagna e i genitori sono no-vax”.

In Sicilia si sta aggravando la situazione dei contagi. l’ultimo report registra un iindice di contagio Rt salito a 0,95 e il rischio complessivo di contagio da Covid passato da “basso” a “moderato”. Nei prossimi sette giorni “scadono” i giorni medi di incubazione del virus per chi ha partecipato ai festeggiamenti per l’Italia del calcio campione d’Europa e nel caso di Palermo per chi ha festeggiato Santa Rosalia per le strade della città. In entrambi i casi si parla di decine di migliaia di persone che si sono assembrate senza mascherine e senza mantenere il distanziamento.

Il focolaio di 30 contagiati scoperto nell’isola di Pantelleria è il primo vero campanello d’allarme per la stagione turistica siciliana. Dal tracciamento eseguito dall’Asp di Trapani il contagio è avvenuto ad una festa sull’isola. Metà dei positivi al tampone rapido dovranno essere confermati dal molecolare, ma il rischio è che nei prossimi giorni il numero salga esponenzialmente per il basso tasso di vaccinati di Pantelleria che non arriva al 50 per cento.

LIBEROQUOTIDIANO.IT

Rispondi