Come riconoscere i sintomi per potere curare in tempo il cancro

È un tumore di cui si parla molto raramente, eppure c’è e fa tante vittime. È bene conoscerne i sintomi per poterlo curare tempestivamente. Parliamo del tumore dell’orecchio, un tumore molto raro che colpisce sia l’orecchio esterno, sia l’orecchio medio. Il più delle volte, in maggioranza – si tratta di carcinomi basocellulari ma può trattarsi anche adenocarcinomi.

Proprio perché si tratta di un tumore raro, i sintomi iniziali tendono a essere ignorati o peggio scambiati per altre patologie. Come viene diagnosticato un tumore dell’orecchio? La diagnosi in genere avviene tramite TAC, risonanza magnetica e un prelievo bioptico. C’è una cura?

I tumori maligni dell’orecchio e del condotto uditivo esterno possono essere rimossi chirurgicamente, tramite exeresi completa della neoplasia e delle strutture infiltrate. A volte, comunque, è anche necessaria l’asportazione dei linfonodi collegati. In genere all’intervento chirurgico vengono affiancate anche chemioterapia e radioterapia. Ma alcune volte si può optare per la terapia radiante, anche se la prognosi non è efficace allo stesso modo.

Ci sono delle probabilità di sopravvivenza? Le possibilità di superare il tumore variano in base alla neoplasia, dell’estensione del tumore e di quanto tempestivamente si agisce su di esso. Se il tumore è circoscritto, la sopravvivenza a 5 anni è di circa il 70 per cento ma scende al 10% nel caso in cui il cancro sia esteso e ci siano metastasi ai linfonodi. Naturalmente, come per tutti i tumori, prima viene fatta la diagnosi, maggiori sono le probabilità di sopravvivere. Ora, però, capiamo quali sono i sintomi da non ignorare.

I sintomi iniziali di un tumore all’orecchio possono essere: Ovattamento auricolare, ipoacusia trasmissiva, vertigini, forti dolori all’orecchio, otorrea, paralisi, gonfiore dei linfonodi del collo. Nel caso di cancro dell’orecchio esterno, bisogna fare attenzione a ferite che persistono per più di 4 settimane. Queste ferite che non si rimarginano sono il sintomo principale del cancro dell’orecchio esterno. Ma non è tutto.

Le ferite che sanguinano o si trasformano in ulcere potrebbero essere segni iniziali di cancro. Anche se notiamo, nella barriera superiore dell’orecchio esterno, bollicine piene di pus o noduli irregolari, si deve sospettare la presenza del tumore. Cosa bisogna fare? Andare immediatamente dall’otorino: sarà lo specialista stesso a suggerire il tipo di analisi da fare per scongiurare la possibilità che si tratti davvero di cancro.

Rispondi