Bulloni in bocca per non mangiare: il rimedio choc anti obesità

Dalla Nuova Zelanda arriva, grazie agli ultimi studi scientifici, una scoperta, tanto rivoluzionaria quanto inquietante, contro l’obesità: “Bulloni nella bocca per non mangiare”. L’apparecchio in questione, ideato per ridurre drasticamente l’assunzione sregolata di calorie e il conseguente accumulo di grasso, è il frutto della collaborazione tra gli esperti dell’università neozelandese dell’Otago e degli scienziati inglesi di Leeds. Gli ideatori dell’apparecchio citato hanno qindi ultimamente assicurato che tutti i dentisti potrebbero “montarlo in sicurezza” ai loro pazienti che presentano patologie legate all’obesità.

Il dispositivo in questione, denominato DentalSlim Diet Control, impedisce, grazie all’azione di bulloni e di magneti fissati nell’arca dentaria superiore, l’apertura della bocca oltre i due millimetri, rendendo di fatto impossibile consumare cibi solidi e consentendo così di rispettare in maniera rigorosa diete a base di pietanze liquide e poco grasse. La sperimentazione dell’apparecchio citato avrebbe dato ottimi risultati su pazienti sovrappeso impegnati a perdere chili. Ad esempio, un articolo pubblicato nei giorni scorsi sul British Dental Journal ha riportato che, grazie a quel dispositivo bullonato, un gruppo di sette donne obese neozelandesi, a cui era stato applicato in bocca quel congegno, avrebbe perso una quantità media di 6,36 kg, circa il 5,1% del loro peso corporeo.

Non potendo ingerire cibi solidi vista la presenza nelle loro bocche del DentalSlim Diet Control, quelle signore avevano di conseguenza potuto assumere esclusivamente cibi liquidi ipocalorici e tale radicale cambiamento nutrizionale avrebbe consentito loro di raggiungere l’obiettivo del dimagrimento. L’università di Otago ha inoltre elogiato tale strumento precisando che è molto utile non solo quale generico strumento anti-obesità, ma anche perché avrebbe l’ulteriore scopo di “assistere le persone che devono sottoporsi a un intervento chirurgico fino a quando non hanno perso peso a sufficienza”.

Tuttavia, il DentalSlim Diet Control è stato finora colpito anche da feroci critiche da parte di commentatori scientifici e semplici cittadini. Alcuni suoi detrattori lo hanno infatti bollato come uno “strumento di tortura medioevale”, mentre altri si soffermano sul fatto che le medesime donne neozelandesi citate nell’articolo del British Dental Journal avrebbero denunciato il fatto di avere provato estrema difficoltà nel tenere in bocca quell’apparecchio, accusando poi quest’ultimo di avere causato loro “disagio nel parlare” e un “drastisco abbassamenno del grado di soddisfazione della vita”.

Rispondi