Bonus vacanze 2021, arriva la novità: da oggi è più facile ‘spenderlo’. Cosa cambia e come richiederlo

Italia in ripartenza, alcune novità sul decreto Sostegni bis. In seguito alla conferenza stampa, il presidente Mario Draghi ha comunicato alcuni cambiamenti in vista di un Paese in graduale e prudente ripartenza. Il decreto Sostegni bis vale “circa 40 miliardi, di cui 17 a imprese e professioni, 9 alle imprese per aiuti sul credito, 4 ai lavoratori e alle fasce in difficoltà”.

“Noi per la fine di questo mese abbiamo l’attrezzatura per cominciare a partire, ma ci sono ancora tanti altri provvedimenti da prendere”, poi il presidente Mario Draghi aggiunge: “Il miglior sostegno è la riapertura”. Non si abbassa la guardia, ma l’idea è quella di poter fare ripartire gradualmente e in sicurezza ogni settore profondamente segnato dalla crisi. Focus anche sul turismo: “Per il turismo c’è molto nel decreto attuale ma la miglior misura per il turismo sono le riaperture”.

“Da domenica 16 maggio non è più necessaria la quarantena, ma solo un tampone negativo. Abbiamo anche rafforzato i voli Covid tested, raggiungendo Venezia e Napoli, ampliando i Paesi di provenienza. L’Italia è pronta ad accogliere i turisti da tutto il mondo”, rassicurano le parole di Mario Draghi in conferenza stampa. E viene dunque approvata una novità sul bonus vacanze dal Consiglio dei ministri.

Si tratta di un voucher fino a 500 euro per le famiglie italiane, destinato a essere speso non solo le strutture ricettive come alberghi e b&b, ma anche nelle agenzie di viaggio o prenotando attraverso i tour operator. Nello specifico, la cifra va dai 150 ai 500 euro, ovvero 150 per una persona sola, 300 per una famiglia con due persone e 500 per i nuclei familiari con tre o più persone.

A poter usufruire del bonus le famiglie con un reddito Isee inferiore ai 40mila euro e per poterlo richiedere sarà sufficiente accedere all’app Io attraverso Spid o Carta d’identità elettronica. Spendibile dunque non solo presso le strutture ricettive, come alberghi, agriturismi, villaggi, campeggi, età, ma anche presso agenzie di viaggio, con uno sconto immediato per l’80% in fattura e il restante 20% recuperato come detrazione d’imposta.

Rispondi