Bolsonaro non ha dubbi: “Negli Usa ci sono stati brogli elettorali”. E avvisa: “Potrebbero ripetersi in Brasile nel 2022”

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha assicurato che ci sono stati “brogli” nelle elezioni presidenziali americane e che scene simili a quelle viste ieri a Washington potrebbero ripetersi in Brasile se si mantiene l’attuale sistema di voto.

“Se qui in Brasile ci sarà il voto elettronico nel 2022 succederà lo stesso; le frodi esistono (…) Nel 2018 ho vinto solo perché avevo preso molti voti”, ha detto Bolsonaro a un gruppo di sostenitori, secondo il portale di notizie locale G1.

Anticipando lo scenario, Bolsonaro ha detto che la stampa lo attaccherà per aver detto che c’è stata una frode alle elezioni brasiliane senza presentare alcuna prova, aggiungendo che non intenderà rispondere “a quei mascalzoni della stampa“.

Bolsonaro ha a lungo messo in dubbio il voto elettronico in Brasile (implementato dalla fine degli anni Novanta e mai causa di problemi) e difende l’espressione del voto tramite scheda elettorale.Il presidente brasiliano si è nuovamente allineato alla tesi del presidente uscente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui ci sono stati brogli elettorali nelle elezioni americane.

Ha assicurato che il voto per posta, favorito dalla pandemia, ha permesso alle persone di votare “tre o quattro volte” e che anche i “morti” hanno votato, nonostante il fatto che finora non ci sono prove al riguardo. Bolsonaro è stato sempre fedele a Trump negli ultimi mesi e il suo governo è stato uno degli ultimi al mondo a congratularsi con Joe Biden per la sua vittoria elettorale.

Diverse personalità della politica brasiliana, come l’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva (2003-2011), hanno avvertito nelle ultime ore che quanto accaduto a Washington potrebbe accadere in Brasile nel 2022 qualora Bolsonaro perdesse le elezioni e si rifiutasse di riconoscere la sconfitta.

Rispondi