Bimba dimenticata in auto dalla baby sitter trovata morta dopo 7 ore

Dalla Florida, negli Stati Uniti d’America, ci arriva una notizia terribile. Una bimba è stata dimenticata in auto dalla baby sitter alla quale i genitori si erano rivolti. La donna, che è già finita in manette, si è accorta dell’accaduto solo 7 ore dopo, quando tornata al suo mezzo si è resa conto del corpo ormai privo di vita della piccola di 2 anni.

Juana Perez-Domingo è la baby sitter di 43 anni che la polizia di Homestead, in Florida, ha arrestato per la morte di una bambina di soli 2 anni. La famiglia aveva affidato la piccola alle sue cure: doveva portarla all’asilo nido, ma quando è arrivata lì lo ha trovato chiuso.

Secondo la ricostruzione della polizia locale, come riportato anche dai media locali, non avendo trovato aperto l’asilo avrebbe deciso di portare a casa sua la bambina. Poi si è distratta, dimenticandosi che la piccola era con lei. L’ha dimenticata in macchina sotto il sole cocente e la bambina purtroppo non ce l’ha fatta.

 

La donna si era completamente dimenticata della piccola, forse per un blocco nel suo cervello, come capita per i genitori che pensano di aver lasciato i figli all’asilo o a scuola e invece sono ancora in macchina. Quando è tornata all’automobile parcheggiata sotto il sole, la piccola era già morta.

La donna, infatti, aveva dimenticato la bambina di due anni nel sedile posteriore, nel suo seggiolino con la cintura ancora allacciata, ritrovandola dopo 7 ore. Juana Perez-Domingo prima di chiamare i soccorsi avrebbe contattato la madre, ma per lei non c’era più niente da fare..

Bambina dimenticata in auto dalla baby sitter accusata di omicidio colposo
I soccorritori del Miami-Dade Fire Rescue hanno subito trasportato la bambina di 2 anni al Baptist Hospital di Homestead, ma i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso.

 

 

Rispondi