Ancona-Piacenza, treno fermo per ore senza aria condizionata: i passeggeri si spogliano e rompono i finestrini

Un vero e proprio incubo quello che hanno vissuto i passeggeri del treno regionale Ancona-Piacenza nel giorno di Ferragosto. I malcapitati sono rimasti bloccati in un treno fermo e sigillato per ore. Al caldo e, ovviamente, senza aria condizionata. Come mostra il video pubblicato dal Corriere della Sera, alcune delle persone a bordo sono state costrette a togliersi i vestiti a causa della temperatura troppo elevata. Ma si vede anche chi cerca un po’ di refrigerio con un ventaglio e chi buttandosi dell’acqua addosso.

Il treno in questione si era fermato per un incendio nei pressi della linea di Bologna. La disperazione dei passeggeri, a un certo punto, è diventata tale che alcuni hanno preso i martelli di emergenza e hanno spaccato i finestrini per poter respirare un po’. A pesare, infatti, non era solo il caldo, ma anche l’aria viziata, la mancanza di acqua e il fatto che ci fossero parecchie persone in uno spazio troppo ristretto. A bordo c’erano decine e decine di passeggeri di ogni età.

 

 

Lo spiacevole episodio è avvenuto ieri pomeriggio sulla linea ferroviaria che collega i due capoluoghi di provincia. La linea è rimasta bloccata per ben cinque ore, dalle 16:00 alle 21:15 a causa di un incendio vicino ai binari. Inoltre, osservando il video a disposizione, diffuso online, pare addirittura che il convoglio si sia fermato all’interno di una galleria.

 

Rispondi