“Altre regioni in zona rossa”. Covid, l’Italia si blinda: la decisione costretta del governo

Più di mezza Italia in zona rossa, quindi, perché la curva dei contagi sembra rallentare come dimostra l’indice Rt nazionale in calo a 1.08, ma il quadro rimane complicato, come evidenzia il report settimanale dell’Iss e come ricordano i 23.987 casi con cui va in archivio il 26 marzo. Sono infatti 23.987 i contagi da coronavirus in Italia il 26 marzo, secondo i dati delle regioni nel bollettino della Protezione Civile.

La tabella del ministero della Salute fa riferimento ad altri 457 morti, che portano il totale a 107.256 vittime dall’inizio dell’epidemia di covid-19. Da ieri sono stati eseguiti 354.982 tamponi, l’indice di positività è al 6,7%. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 3628 (+8). Nell’Italia dell’emergenza coronavirus, in cui 13 tra regioni e province hanno un indice Rt superiore a 1, sono 5 le regioni a rischio alto, 13 quelle a rischio moderato. Per questo si invita a “mantenere rigorose misure di mitigazione nazionali” e una “drastica riduzione di interazioni e mobilità”, si legge nel documento relativo al periodo 15-21 marzo con dati aggiornati al 24. (Continua a leggere dopo la foto)

 

 

 

Dopo la Puglia in zona rossa rafforzata entrano in zona rossa anche
Toscana, Calabria e Valle d’Aosta. Il Lazio entra in zona invece arancione martedì 30 marzo, lasciando la zona rossa dove, con le restrizioni più severe per arginare la diffusione del coronavirus, restano Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, PA Trento, Piemonte, Veneto e Puglia, che adotta regole da ‘zona rossa rafforzata’ fino al 6 aprile. Le altre regioni in zona arancione, visto che in base al decreto in vigore è annullata la zona gialla. (Continua a leggere dopo la foto)

 

 

In Toscana sono 1.527 i contagi da coronavirus registrati in Toscana secondo il bollettino anticipato dal governatore Eugenio Giani su Facebook. “I nuovi casi registrati in Toscana sono 1.527 su 26.050 test di cui 15.093 tamponi molecolari e 10.957 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 5,86% (14,3% sulle prime diagnosi)”, scrive Giani, facendo riferimento anche a “21.099 vaccini somministrati nella sola giornata di ieri in Toscana, di cui 13.909 alle persone con più di 80 anni”. (Continua a leggere dopo la foto)

 

 

 

 

In Valle D’Aosta sono 57 i nuovi contagi da coronavirus in Valle d’Aosta secondo il bollettino di oggi, 26 marzo. Registrato inoltre un morto. Il totale complessivo delle persone risultate positive al virus da inizio epidemia nella regione è di 8.873. I casi positivi attuali sono 690, 41 più di ieri di cui 24 ricoverati in ospedale, sette in terapia intensiva, e 659 in isolamento domiciliare. I guariti sono 7763, +15 rispetto a ieri. In Calabria sono invece 412 i nuovi contagi da Coronavirus in Calabria secondo il bollettino di oggi, 26 marzo. Nella tabella di oggi si fa riferimento ad altri 3 morti. I dimessi e guariti sono stati 197.

Rispondi