Alessia Bonari, gesto che commuove: come ha speso il cachet di Sanremo

Il Festival di Sanremo 2021 ha accolto nella prima serata, andata in onda su Rai Uno martedì 2 marzo, Alessia Bonari, l’infermiera di 24 anni elevata a simbolo della lotta alla pandemia, dopo aver pubblicato sul suo canale Instagram una fotografia in cui il suo volto è segnato dalla mascherina.

Alessia Bonari: una scelta precisa e ricca di significato

Una volta stata sul palcoscenico del teatro Ariston la ragazza ha dichiarato di aver assunto una scelta ben precisa e davvero significativa in tale periodo, così difficile e delicato a causa dell’emergenza sanitaria.

Cachet per l’assistenza ai malati terminal

Il gesto di Alessia Bonari sottolinea l’impegno e la dedizione alla causa, quella per cui si è battuta di giorno e di notte negli ultimi mesi. Raggiunta dal Corriere della Sera, l’infermiera ha affermato di aver deciso di destinare il suo cachet per l’assistenza ai malati terminali, una mossa che rende onore alla medicina e alla ricerca, che necessitano di un continuo sostegno.

Interpellata dal quotidiano La Repubblica, la ventiquattrenne ha rimarcato il proprio entusiasmo nell’aver preso parte ad un evento tanto importante qual è il Festival.

Il supporto di Amadeus

Con grande onore ha accettato l’invito della serata inaugurale, specialmente perché le ha dato la chance di lanciare un nobile messaggio. È stata una fantastica parentesi, ma la vita di tutti i giorni è un’altra. Era davvero emozionata dietro le quinte, prima di entrare, ma grazie ad Amadeus è riuscita a sconfiggere l’ansia.

Alessia Bonari: mai abbassare la guardia

Il messaggio a cui fa riferimento Alessia Bonari è, naturalmente, l’emergenza epidemiologica di cui ancora è lontana la fine. Sebbene sia passato un anno e siano subentrati vaccini occorre non abbattersi dinanzi alle difficoltà incontrate, né abbassare la guardia, dato il propagarsi delle varianti che stanno mettendo l’Italia e il mondo intero in ginocchio. In merito, la Bonari ha sottolineato all’Ariston che la situazione è invariata. Ma uniti ne usciremo.

Rispondi