Al Bano, la notizia poco fa dall’Ospedale

La pandemia ci ha portato via le cose semplici. Può succedere dunque che un’anziana paziente, ricoverata in un reparto Covid, chieda come “regalo” una bottiglia di vino. Una richiesta diretta e spiazzante, che però non è stata fatta al personale medico, ma un ospite d’eccezione, Al Bano Carrisi.

Il popolare cantante ha deciso di far visita ai ricoverati del Covid Hospital di Bari, la struttura emergenziale realizzata nei padiglioni della Fiera del Levante nel capoluogo pugliese. Un’incursione a sorpresa come quella fatta mesi fa, durante il primo lockdown, quando Al Bano scelse di suonare alcune canzoni sotto le finestre dei pazienti ricoverati.

Molti mesi sono passati e la situazione non sembra essere molto diversa. Al Bano ha scelto di tornare all’ospedale Covid accompagnato dal direttore generale del Policlinico e dal Presidente della Regione Puglia, Emiliano. “Di fronte a gente che rischia la vita non posso stare fermo a guardare – ha detto alla stampa locale – devo essere parte di questa amara ma grande realtà. Siamo in piena terza guerra mondiale, io da buon soldato devo essere presente dove c’è necessità. E ci sono.

Non penso di risolvere le sorti della situazione, ma ce la metto tutta perché qualcosa di positivo possa lasciarla anch’io”. Vaccini, Al Bano attacca: “Non so se c’è da fidarsi”Questa volta però il cantante di Cellino San Marco ha deciso di fare di più che rimanere sotto le finestre dei malati.

Durante il giro a sorpresa nel Covid Hospital, Al Bano ne ha approfittato per parlare con alcuni pazienti ricoverati, cercando di alleggerire con una parola di conforto la loro battaglia contro il coronavirus. Il tutto a debita distanza, attraverso una videochiamata sul cellulare, e con la complicità dei sanitari. Nel parlare con un’anziana signora, Al Bano ha svelato di aver perso “già tre cugine in un mese” per colpa del virus, ma ha cercato di infonderle comunque speranza:

“Ce la faremo. Io vi offro tutto quello che volete”. La donna invece di chiedergli di dedicarle una delle sue famose canzoni – come in molti si sarebbero aspettati – gli ha fatto una richiesta precisa e spiazzante: “Vorrei una bottiglia del vino prodotto nelle tue campagne in Salento”. Un dono che sa di normalità, come a dire che una volta superato il Covid avrebbe potuto goderselo. E Al Bano non ha tradito le aspettative dell’anziana: “Se lascia l’indirizzo al medico di fronte a lei lo consideri già fatto. La abbraccio. Ci vediamo fuori”.

Rispondi